mesolcina

La Valle Mesolcina, importante asse di transito nord-sud e unica alternativa al Gottardo in inverno per passare dal Ticino all’Europa tedescofona, prende il suo nome dal fiume Moesa, che nasce sul Passo del San Bernardino, a 2065 m/slm e va ad affluire nel fiume Ticino all’altezza del comune di Arbedo-Castione, dopo circa 1800 m di discesa. In altitudine la Valle passa dai 260 m/slm del Piano di San Vittore ai 3270 m/slm del Pizzo Tambo.

Il clima che caratterizza la Val Mesolcina è mite. Il vento non soffia sufficientemente forte da disturbare il turista, ma abbastanza per allontanare la nebbia e le nuvole. Queste correnti garantiscono un periodo di insolazione sopra la media. In inverno, piccole e sporadiche nevicate interessano le zone situate a bassa altitudine, mentre la neve cade abbondante lungo la cresta delle Alpi. Ma il fondovalle resta perlopiù libero dalla neve grazie alla temperatura mite ed all’azione del sole.

La zona alta della Mesolcina presenta il caratteristico paesaggio modellato dall’azione dei ghiacciai. Al tempo della glaciazione in questa zona il ghiacciaio della valle di Hinterrhein scorreva verso sud. Sul Passo, tra le innumerevoli colline arrotondate (mammelloni!), si ammira il Laghetto Moesola circondato da una miriade di piccoli laghetti e pozzi chiamati Laghit d’Ardei.

Durante la stagione invernale, grazie alla stazione sciistica del San Bernardino, una delle più importanti della Svizzera Italiana, è possibile praticare numerose attività sulla neve e a contatto con la natura. A San Bernardino troviamo un variegato e soleggiato parco piste sci di 40 km che dai 1625 m del paese porta a quota 2525m con proposte di varie difficoltà che assecondano quindi i bisogni degli sciatori più esperti e quelli dei principianti. Vi sono inoltre svariati percorsi di sci nordico, per un totale di 20km, che si snodano attraverso incantevoli pinete e paesaggi mozzafiato. Per chi non dovesse praticare lo sci alpino, lo snowboard o lo sci nordico, vi è la possibilità di effettuare semplici escursioni a contatto con la natura, gite con le racchette ed il pattinaggio. Per chi volesse rilassarsi dopo una giornata di sci lo può fare presso la piscina coperta di Albarella situata a San Bernardino.

Anche la stagione estiva della valle Mesolcina ha come protagonista principale la natura. Numerose sono infatti le possibilità di praticare attività direttamente a contatto con la stessa. Tra queste troviamo semplici passeggiate ed escursioni, percorsi vita, un percorso didattico (culturale e storico) a San Bernardino, possibilità di pesca e nuoto. Il parco avventura di San Bernardino, un campo da Paintball e la possibilità di praticare l’hydrospeed ed il kayak nei fiumi della regione, soddisfano appieno le esigenze di coloro alla ricerca di un po’ di avventura.
Non dimentichiamo che in alta Mesolcina, a San Bernardino, viene prodotta ed imbottigliata l’acqua minerale della Kràtos Grischa SA, acqua che porta il nome della località sud alpina.

La Valle Mesolcina, trovandosi nel Cantone Grigioni non è conosciuta come i più famosi St. Moritz, Davos o Klosters ma è una valle altrettanto bella e piena di opportunità.

In tutta la valle esistono tutti i servizi indispensabili per un moderno soggiorno come negozi di alimentari, macellerie, panetterie, ristoranti, poste, banche, studi medici, studi medico-dentisti, farmacie, pronti soccorsi, stazioni di arrivo e partenza di tutte le corse della linea Autopostale Bellinzona-Thusis-Coira (corsa diretta), Valle Calanca e Verdabbio e coincidenze anche con i centri turistici più famosi citati precedentemente.

Estratto ed elaborato da: Ente Turistico Regionale del Moesano